"Police Arrest Batman" by secretlondon123 on flickr

I titoli dell’Evening Standard sono un elemento costante del paesaggio urbano di Londra, specialmente quelli scritti a mano esposti sui cartelli fuori dalle edicole. Come quelli dei tabloid in generale, uniscono l’estrema sintesi del giornalismo anglosassone, che scrive i titoli secondo una sua ermetica sintassi, e la voglia di rendere urgente anche la più triviale piccola notizia.
Ho sempre cercato inutilmente di descriverli in un modo che ne cogliesse l’essenza. Per fortuna, Iain Sinclair l’ha fatto molto meglio di me in  London Orbital:

I tabelloni di fronte alle edicole, con i loro haiku interrotti, mi affascinano. CAMBIA SEPOLTURA DIANA. FAMIGLIA REALE SVENDE INGHILTERRA. SPICE GIRLS: «MOLLANO»? ESERCITO CONTRO EPIZOOTICA. Poesia anonima, urgente e ansiosa. Abolizione totale degli articoli determinativi e indeterminativi. Indicativo presente. Assenza di maiuscole. Lo stile cui ho sempre aspirato. La città che compone la propria leggenda usa-e-getta. Famiglia reale, crimine, trasporti, previsioni del tempo. A ritmo giornaliero. Surrealismo sfacciato. Per capire basta un occhio solo. Caricarsi del fardello di un quotidiano è uno spreco di tempo. I titoli, netti, in bianco e nero, ti dicono tutto ciò che occorre sapere. Più efficaci degli aggiornamenti ambigui sul traffico e degli allarmi-nebbia che lampeggiano dai ponti delle autostrade.

London Orbital. A piedi intorno alla metropoli è pubblicato in italiano da Il Saggiatore, e comprende anche il DVD del film realizzato dall’autore durante il suo viaggio intorno alla città.
La foto è di secretlondon123.