Milano, 2 giugno 2011

Oggi è stata una giornata speciale a Milano. La cosa straordinaria è che questo sta succedendo da settimane: settimane di incontri, sorrisi, conversazioni, abbracci con persone mai viste prima. Il merito è di un candidato sindaco, Giuliano Pisapia, e di una campagna elettorale unici, ma soprattutto di tutte le centinaia e poi migliaia di persone che hanno scelto di esserci, di riconoscersi, di ritornare a chiamare questa città casa.


Oggi molte di queste persone sono entrate a Palazzo Marino, ne hanno percorso le stanze, hanno guardato fuori dalle finestre e forse si sono sentiti a casa. Ero tra loro, e li guardavo, ci guardavo. Incontrando una cara amica l’ho abbracciata e le ho detto quello che stavo pensando: “Questa è Milano. Ma dove siamo stati tutto questo tempo?”.
Non so rispondere a questa domanda, so solo che oggi, in un modo che non conoscevo, sono incredibilmente felice di essere qui.